Relazioni

Come affrontare il sesso e l’intimità dopo un aborto spontaneo

Il sesso dopo la perdita di una gravidanza può essere una parte scatenante e necessaria del processo di guarigione.

Gli aborti spontanei sono strazianti per le coppie. Per quelli determinati a diventare genitori possono essere particolarmente difficili da superare perché lo sforzo di concepire complica il lavoro di guarigione. Eppure, la ricerca mostra che prima le persone fanno sesso dopo un aborto spontaneo (secondo le raccomandazioni del medico), più probabilità hanno di concepire di nuovo. Per le coppie, questo rappresenta una prova emotiva e fisica. Il sesso non è necessariamente diverso dopo un aborto spontaneo, ma il contesto emotivo dell'atto cambia in modo irreversibile. È naturale per le coppie essere esitanti o tristi. È naturale che la vera intimità si senta irraggiungibile.

 

Quando tornare ad avere rapporti sessuali

La raccomandazione tipica è che il sesso va bene due settimane dopo che il sanguinamento si ferma. Ma abbiamo a che fare con una tragedia. Gli uomini commettono errori se non sono sensibili a quella devastazione. Dal punto di vista medico è necessario che le coppie aspettino fino a quando la cervice è dilatata, perché inserire qualcosa nella vagina aumenta il rischio di infezione. Anche se il recupero può richiedere più tempo se l'aborto è avvenuto dopo il primo trimestre, gli aborti che si verificano all'inizio della gravidanza sono spesso risolti medicalmente mentre le emozioni rimangono fresche. Questa è una situazione comune: circa una gravidanza su sei termina con un aborto spontaneo. Ma solo perché è comune non rende più facile per gli aspiranti genitori provare di nuovo.

 

Mente e corpo

Purtroppo, molti uomini e donne presumono che dovrebbero essere emotivamente pronti per il sesso quando sono fisicamente pronti. Non c'è motivo di sospettare che questo sia vero. Spesso non lo è, che è uno dei motivi per cui i medici non raccomandano agli uomini di avvicinarsi sessualmente ai loro partner. Suggeriscono di trovare altri modi per legare e aspettare pazientemente. Courtney Watson, una terapista del sesso che ha subito un aborto spontaneo, dice che è potenzialmente una buona idea far conoscere sia la pazienza che il desiderio. Puoi provare a dare supporto e dire 'So che questo è davvero difficile per te e quando hai voglia di essere intimo, per favore sappi che sono qui': è fondamentale attenersi si bisogni del tuo partner, piuttosto che i tuoi. Se una persona associa il sesso con i bambini, toccarla e desiderare di fare sesso può far pensare alla perdita del bambino.

I medici consigliano a uomini e donne di essere preparati a emozioni inaspettate quando decidono di fare di nuovo sesso e di discutere questa possibilità direttamente in anticipo, preparandosi a fare una pausa durante l'atto o a interromperlo se non funziona. Può essere utile ricordare che il sesso non deve finire con un orgasmo. Gestire le aspettative di eseguire o di provare piacere mentre si gestisce la perdita è un atto di amore.

Non c'è un calendario per fare sesso di nuovo, ma se, dopo tre mesi, una coppia sta ancora faticando a fare sesso, potrebbe esserci un problema più grande. In questo caso, i medici raccomandano una consulenza specialistica – non per la mancanza di sesso, ma per la mancanza di guarigione. Il sesso non è solo un obiettivo, è una controfigura – in misura limitata – della risoluzione. È importante notare che ogni coppia è diversa e non c'è un modo giusto per affrontare qualcosa di così difficile come un aborto spontaneo, se non quello di essere compassionevoli con se stessi e con il partner.

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.